Massaggio linfodrenante

3410-la-tecnica-del-massaggio-linfodrenanteIl 50% delle donne soffre di cellulite che si manifesta attraverso cuscinetti e smagliature che si presentano sulla superficie della pelle. Queste alterazioni sono la conseguenza di un cattivo funzionamento del metabolismo che crea un gonfiore. In pratica la cellulite è una sorta di deterioramento fisico che si sviluppa nel corso degli anni: dai medici viene definito come lipoedema che di solito si localizza sulle gambe, e sui glutei delle donne.

Questo accumulo di grasso comprime i vasi linfatici che, perciò, non sono più in grado di trasportare le linfa e anche i capillari diventano più fragili.

Dal momento che i disturbi al metabolismo sono provocati anche da vita sedentaria e cattive abitudini alimentari, è opportuno intervenire su più fronti per debellare la cellulite:

  • Lo sport riattiva la circolazione e stimola il metabolismo
  • Una sana alimentazione riduce i depositi di grasso e migliora gli scambi idrici
  • Il drenaggio linfatico manuale favorisce l’eliminazione del liquido interstiziale e della linfa

Tecnica

Il drenaggio svolge un ruolo fondamentale nel trattamento della cellulite: in pratica sposta il liquido – che di solito si trova nella pelle o tra questa e i muscoli – dalla zona dove si è accumulato verso un’ “uscita” attraverso i vasi linfatici. L’obiettivo del drenaggio è quello di aiutare l’eliminazione del liquido interstiziale e della linfa, ma anche di rilassare le fibre muscolari.

I movimenti devono essere delicati, lenti e vanno ripetuti più volte. Non si devono utilizzare oli o creme, o prodotti di bellezza: è indispensabile una buona aderenza della mano del massaggiatore alla zona da manipolare per spingere nel modo migliore la pelle e il liquido accumulato sotto di essa. La pressione esercitata deve essere più leggera di quella utilizzata nel massaggio e questo consente di facilitare il drenaggio della linfa, senza aumentare le filtrazioni di liquido ai tessuti nei capillari sanguigni. Le pressioni devono essere lunghe e lente e alternate a fasi di rilassamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *